1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Seduta negativa a Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street ha chiuso la seduta con il segno meno spinta al ribasso dalla debolezza del comparto energetico (-0,47%) e dei titoli legati alle risorse di base (-0,53%). Il Dow Jones ha terminato invariato a 12.807,51 punti, lo S&P con un -0,34% è sceso a 1.356,62 e il Nasdaq con un -0,78% si è portato a 2.841,62. Sopra le stime il dato relativo l’andamento degli ordinativi industriali a marzo, cresciuti del 3%. Tra le storie del giorno, due velocità per Ford e General Motors (-0,45% e +2,52%) che ad aprile hanno registrato rispettivamente vendite in crescita del 16,4% e del 26,4% annuo. Tra i titoli legati alle materie prime +2,61% per Alcoa, che ha capitalizzato le indiscrezioni secondo cui Rio Tinto starebbe preparando un’offerta per rilevare il colosso dell’alluminio. Dal fronte trimestrali numeri sopra le attese per MasterCard (+2,58%) e Duke Energy (-0,11%); indicazioni deludenti invece dal fatturato di Pfizer (-2,76%) e dall’utile di Emerson Electric (-6,45%).

Commenti dei Lettori
News Correlate
MERCATI

Chiusura di ottava di poco sotto la parità per le borse europee

Grazie a un miglioramento nella seconda parte innescato dalla revisione al rialzo del Pil statunitense del primo trimestre (+1,2%), i listini europei riducono le perdite e chiudono la settimana di poco sotto la parità.

A Londra il Ftse100 ha term…

WALL STREET

Borse Usa partono deboli, l’outlook spinge Big Lots

Dopo aver aggiornato i massimi storici, Wall Street parte debole in vista del weekend lungo a causa del Memorial Day (lunedì prossimo mercati chiusi). Nei primi scambi il Dow Jones segna un rosso dello 0,07% mentre S&P500 e Nasdaq scendono entrambi d…

MERCATI

Banche e oil continuano a penalizzare le borse europee

Rosso di mezzo punto percentuale per l’indice Stoxx 600, penalizzato dalle vendite che stanno colpendo il comparto bancario (-1,31% per l’indice di riferimento), gli energetici (-1,16%) e l’automotive (-0,99%).

All’indomani del meeting dell’Opec …