1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Seduta in rosso per il TechStar, debutto con il botto per Eurotech

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giro di boa settimanale svogliato per il TechStar che ha chiuso la sessione in flessione dello 0,65% a quota 10.024 punti. La maggior parte dei 20 titoli guida del listino hi-tech ha chiuso le contrattazioni in territorio negativo. Peggior performance di giornata per Esprinet che ha ceduto oltre il 3% ritornando sotto la soglia degli 8 euro. Alla vigilia il titolo del gruppo IT guidato da Alessandro Cattani aveva messo a segno un balzo dell’8% toccando i nuovi massimi storici. Negli ultimi 12 mesi Esprinet ha più che raddoppiato il proprio valore. Tra le altre hanno pagato dazio anche Acotel (-2,34%) ed El.En (-1,04%). Di buon umore invece Gefran che ha guadagnato oltre 1 punto percentuale chiudendo a 4,72 euro. Intanto ha debuttato sull’Mtax l’ultima matricola di Piazza Affari, Eurotech, che è stata sommersa da una pioggia di acquisti. Il titolo della società produttrice di computer miniaturizzati e di computer ad elevata capacità di calcolo è subito schizzato in alto accellerando propressivamente durante la giornata per chiudere a 4,35 euro (+28%) con volumi elevatissimi. Il prezzo di offerta delle azioni Eurotech era stato fissato a 3,4 euro, nella parte alta della forchetta di riferimento. “Obiettivo crescita”, è questa la strada maestra indicata da Roberto Siagri, presidente e amministratore delegato del gruppo friulano. “L’Ipo ha due motivazioni primarie: una è quella di innalzare il capitale della società al fine di finanziare nuovi investimenti che permetteranno di mantenere un ritmo di crescita elevato, l’altra è quella di dare maggiore visibilità al brand sul mercato nazionale e internazionale”.