1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Seduta di consolidamento per le Borse europee

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel finale di seduta le piazze finanziarie continentali hanno recuperato le perdite subite nel primo pomeriggio in scia a dati Usa deludenti e a una pessima trimestrale del gigante dei mutui Fannie Mae, riuscendo a terminare la sessione sopra la parità, anche se con variazioni che hanno assunto proporzioni molto diverse tra loro. A livello settoriale le migliori performance sono venute da quei comparti che più beneficiano del calo del petrolio, sceso in giornata fino a 114 dollari per barile. Bene quindi travel & leisure e automobilistici (rialzo oltre il 6% per Bmw e oltre il 4% per Renault), mentre i ribassi più forti hanno riguardato risorse di base ed energetici. E’ stata però anche la giornata nera dell’euro, che ha messo a segno il maggiore ribasso di giornata degli ultimi 8 anni, tornando in area 1,50, un livello che non vedeva da 5 mesi. Sono infatti sempre più le forti le aspettative per uno stop ai rialzi dei tassi d’interesse in Eurozona fino a fine anno. Tra le singole storie di giornata, da ricordare la corsa di Kpn, che ha guadagnato oltre il 4% su rumor di un interesse da parte di Telefonica. Royal Bank of Scotland ha invece annunciato una perdita trimestrale, dopo svalutazioni per 5,9 miliardi di sterline. A fine giornata il Cac40 ha guadagnato lo 0,77% a 4491 punti, il Dax lo 0,28% a 6561 punti e il Ftse100 lo 0,21% a 5489 punti.
Da rilevare infine gli effetti borsistici del rischio di una guerra tra Russia e Georgia. L’indice Rts della Borsa di Mosca ha chiuso le contrattazioni con un calo del 6,5% a 1722 punti.