Seduta debole per Wall Street

Inviato da Redazione il Gio, 23/09/2010 - 07:35
Wall Street chiude sotto la parità una seduta pesantemente condizionata dalle indicazioni arrivate dalla Federal Reserve, che nonostante la debolezza dell'economia non ha annunciato nuove misure per rilanciare la ripresa. Gli indici nel corso della seduta hanno risentito anche del calo di mezzo punto percentuale messo a segno dai prezzi delle abitazioni (ai minimi da 6 anni) misurati dalla Federal Housing Finance Agency; come di consueto il mercoledì, arrivato anche il dato relativo le nuove richieste di mutui, scese dell'1,4% la scorsa settimana. Il Dow ha così lasciato sul campo lo 0,2% portandosi a 10.739,31 punti, -0,48% per lo S&P a 1.134,28 e -0,63% per il Nasdaq a 2.334,55. Pesante il comparto bancario, con Deutsche Bank ha ridotto le stime di utile del terzo trimestre di Morgan Stanley e Goldman Sachs (-4,26% e -2,2%). Sempre per quanto riguarda i giudizi, Credit Suisse ha confermato la valutazione "underperform" su Ford (-1,35%) in vista di un presunto rallentamento degli utili nel 2010 e nel 2011. Dal fronte trimestrali +2,69% per General Mills, che nel primo trimestre fiscale ha registrato un utile per azione a 62 centesimi, che sale a 64c per il dato adjusted (consenso 62c), e -6,52% per il New York Times, che nel terzo trimestre ha detto di attendersi vendite in calo di circa il 2%-3% e una perdita per azione da operazioni continue compresa tra 5-7 centesimi di dollari. Adobe lascia sul campo il 19% il day-after i conti mentre Microsoft registra un calo del 2,15%. +1,47% infine per Research in Motion, che la prossima settimana dovrebbe lanciare un tablet in stile-iPad.
COMMENTA LA NOTIZIA