1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Sedex: Fiat, ignorate le immatricolazioni, si guarda a Zurigo

QUOTAZIONI Fiat Chrysler Automobiles
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dai dati sulle immatricolazioni auto in Europa a novembre è arrivato un’altro pesante colpo alle ambizioni Fiat. Mentre la crescita su base annua in Europa occidentale si è attestata a +9,5%, Fiat ha registrato un calo del 7% rispetto allo stesso periodo 2003 con una riduzione della quota di mercato al 6,8% rispetto all’8% di un anno fa. Ma i pensieri degli investitori Fiat sono oggi rivolti a Zurigo dove si tiene lo steering committee con General Motors che si spera possa fare un po’ di chiarezza sulle relazioni tra i due “soci”. Dopo aver minacciato il ricorso ai tribunali per provare la validità della put messa in dubbio da General Motors, una soluzione sgradita per entrambi i contendenti, Fiat potrebbe proporre una rinuncia contro un corrispettivo in denaro oppure, secondo indiscrezioni di stampa, la soluzione potrebbe essere la crescita di Gm nel capitale con l’entrata di banche e altri soci industriali oltre alla famiglia Agnelli. Il mercato dei covered warrant dimostra di quasi ignorare i dati sulle immatricolazioni auto e rimane col fiato sospeo in attesa di chiarimenti da Zurigo. L’Equity protection di Unicredito con strike 5,7 euro e scadenza a giugno 2005 è il più scambiato con quasi 115.000 euro di controvalore. A quota 25.000 euro la call di Deutsche Bank con strike 6 euro e scadenza a marzo 2005 e quella di Caboto con strike 7 euro e scadenza a settembre. Sopra i 10.000 euro di controvalore la call 5,5 euro di Sal.Oppenheim in scadenza a marzo 2005.