Scozia vota "no" all'indipendenza: mercati dovrebbero attraversare ora fase di rialzi (analisti)

Inviato da Daniela La Cava il Ven, 19/09/2014 - 15:27
La vittoria del fronte unionista in Scozia dovrebbe portare i mercati ad attraversare una fase di rialzi. E' di questo parere Paul Stephany, UK equity portfolio manager di Newton Investment Management del Gruppo BNY Mellon. "Alla luce dei risultati odierni, crediamo che i mercati dovrebbero attraversare una fase di rialzi, superando i timori sulle fughe di capitali e le incertezze sulla valuta e la tassazione - afferma Paul Stephany - Le compagnie petrolifere, come BP, e le altre società della filiera, quali ad esempio Wood Group, potranno concentrarsi sui loro business ordinari anziché preparare piani di emergenza; la chiarezza sugli sviluppi fiscali è fondamentale per le attività di estrazione nel Mare del Nord". Anche il settore finanziario , secondo l'esperto, dovrebbe trarre benefici dall'attenuarsi delle preoccupazioni sulle sorti della Scozia. Ad esempio, i prezzi dei titoli di Standard Life e Lloyds potrebbero probabilmente registrare un rimbalzo sui listini. "Si è concluso oggi un fascinante interludio storico; al risveglio, stamattina, il Regno Unito era ancora lì, sede del terzo più ampio mercato azionario al mondo e centro della finanza internazionale. Almeno per ora la stabilità è tornata, ed è questo che i mercati chiedevano anzitutto", conclude Stephany.
COMMENTA LA NOTIZIA