1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Scoppia la bomba rifiuti su Impregilo. E la Ue accusa l’Italia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giunge a una importante svolta l’inchiesta sui rifiuti che la Procura di Napoli sta conducendo da alcuni anni e che vede tra gli indagati anche il governatore della Campania Antonio Bassolino. Ieri il gip Rosanna Saraceno, accogliendo la richiesta dei pubblici ministeri Noviello e Sirleo, ha disposto per le società Impregilo, Fibe e Fisia l’interdizione per un anno dalla contrattazione con la pubblica amministrazione per attività inerenti il ciclo dei rifiuti. Nei confronti della Impregilo, poi, è stato anche disposto il sequestro preventivo di circa 750 milioni di euro. I magistrati ipotizzano il reato di truffa nella gestione del ciclo dei rifiuti in Campania, gestione che Impregilo si era aggiudicata attraverso una gara d’appalto.