Schroders: "Possibile intervento sui tassi Ue, ma non nel breve"

Inviato da Redazione il Mar, 16/11/2004 - 16:31
"La forza dell'euro risulta particolarmente preoccupante alla luce della dipendenza dei recenti segnali di ripresa in Europa delle esportazioni e della domanda estera. A fronte di una previsione comunque al ribasso per gli scambi mondiali il rafforzamento dell'euro agirà come ulteriore elemento depressivo su qualsiasi ricaduta positiva per l'Europa della crescita della domanda mondiale". Così si esprimono in un report gli analisti di Schroders sui possibili effetti della forza dell'euro. Secondo la casa d'affari l'andamento della moneta del Vecchio continente potrebbe inoltre modificare la dinamica dei tassi d'interesse europei: "Con la crescita economica in rallentamento in Europa, la valuta in rafforzamento e l'inflazione core sotto controllo, la probabilità di un intervento al ribasso sui tassi resta aperta. Tuttavia riteniamo che questo sia un esito non probabile nel breve periodo. Pensiamo che questo avverrà, se le condizioni della crescita economica o del mercato valutario dovessero deteriorarsi di molto in poco tempo".

COMMENTA LA NOTIZIA