Schroders: “Nel breve prezzo del petrolio sostenuto da fattori contingenti”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si avvia alla fine un inverno che, per gli Stati Uniti, è stato relativamente mite e che ha permesso alle scorte di oro nero di crescere in gennaio e febbraio, mesi nei quali solitamente si registrava una diminuzione. Le stesse riserve sono ai livelli più alti in assoluto dal 1999. Eppure il Wti è volato, in questi giorni, al di sopra dei 66 dollari al barile. Come mai? Il primo elemento utile a spiegare questa situazione è, per gli analisti di Schroders Investment, una precisazione: “D’accordo, l’inverno è stato mite negli Usa ma molto freddo in altre aree geografiche come in Russia e nell’Est Europa. Dunque l’aumento delle scorte statunitensi è stato controbilanciato in negativo da quelle di altri Paesi, più basse rispetto al solito”. Secondo punto da tener presente per spiegare il livello attuale dei prezzi del petrolio “sono le numerose interruzioni alle forniture a cui si è assistito. L’output dell’Iraq si mantiene molto volatile e con molti problemi tecnici, i ribelli in Nigeria continuano a mantenere sotto rischio di attacco le strutture petrolifere del Paese”. E guardanfo al futuro la situazione non sembra poter migliorare a breve. “La situazione in Iran continua a preoccupare – riprendono da Schorders – e anche se finora non si sono avute ripecussioni sull’output di quel Paese, ulteriori passi delle Nazioni Unite potrebbero spingerlo a rivedere i contratti con le compagnie petrolifere straniere. A ciò si aggiunga che le previsioni per la crescita della produzione russa sono state riviste verso il basso e dunque, l’eventuale diminuzione delle esportazioni dall’Iran sarebbe difficilmente riassorbibile dagli altri Paesi opec la cui capacità produttiva è già vicina ai livelli massimi”. Infine, uno sguardo anche all’adeguamento della capacità produttiva mette in luce che gli investimenti effettuati non sono ancora sufficienti a mantenere il passo della crescita della domanda di oro nero mentre la spinta dell’inflazione sui costi delle imprese estrattive le spingerà a mantenere i prezzi a livelli adeguati. “Per tale motivo – conclude il report – i prezzi sono destinati a mantenersi elevati per il prossimo futuro anche se per il medio termine continuiamo ad attendere un declino man mano che nuova capacità produttiva entra sul mercato”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
USA

Wall Street: scambi misti sul mercato futures dopo Pil deludente

Futures misti sulle piazze americane dopo la pubblicazione del dato sul Pil annualizzato del primo trimestre 2017. L’economia statunitense è cresciuta al ritmo più debole degli ultimi tre anni nei primi tre mesi dell’anno. Questa dinamica è stata det…

Russia: banca centrale taglia i tassi al 9,25%

La banca centrale russa ha deciso di tagliare il tasso chiave portandolo dal 9,75% all’attuale 9,25 per cento. I mercati si attendevano un taglio, ma stimavano una discesa al 9,50 per cento. “L’inflazione si sta muovendo verso il target fissato, le a…

Elezioni Francia: Macron avanza nei sondaggi, a lui il 60% dei voti

Il candidato centrista Emmanuel Macron avanza nei sondaggi. Secondo l’ultima indagine Opinionway-Orpi per Les Echos e Radio Classique, Macron batterebbe nel secondo turno delle elezioni presidenziali in Francia la rivale Marine Le Pen con il 60% dei …

Inflazione Eurozona torna ad accelerare, aumentano pressioni su Bce

L’inflazione della zona euro torna ad approcciare il target del 2% perseguito dalla Bce mostrando inoltre una decisa accelerazione ad aprile della componente core, ossia l’inflazione di fondo, salita ai massimi a quasi 4 anni. Indicazioni che vanno a…