Schroder: economia tedesca sulla rampa di lancio

Inviato da Redazione il Ven, 18/11/2005 - 10:28
Secondo gli strategist di Schroder Investment, gli ultimi dati macro- economici statunitensi hanno confermato la forza dell'ISM e la sostenibilità della crescita economica Usa nel medio periodo. Wade e Batley sottolineano che l'unica minaccia reale per la crescita Usa sarà rappresentata dall'evoluzione dei tassi di interesse. L'ultimo rialzo del costo deciso dalla Federal Reserve non è stato accompagnato da dichiarazioni che facciano pensare ad un rallentamento della stretta monetaria nell'immediato futuro. I vertici della Fed non hanno fornito nessuna indicazione sul probabile neutral level del costo del denaro negli Usa.

Il rialzo dei rendimenti delle obbligazioni denominate in dollari e il recupero messo a segno dal biglietto verde sulle altre valute, dimostra che queste variabili si stanno muovendo nella stessa direzione intrapresa dai tassi Usa. Tuttavia, il team della casa britannica ritiene realistica l'ipotesi che sostiene il raggiungimento di un picco massimo nel costo del denaro negli Usa dopo i prossimi due rialzi previsti per le riunioni di dicembre e gennaio.

Sul fronte europeo, Wade e Batley si soffermano sulle buone chance di ripresa dell'economia tedesca. Il forte rallentamento subito dall'economia tedesca viene considerato come la causa principale dei bassi tassi di crescita che hanno frenato il Vecchio Continente negli ultimi tre anni. La frenata dell'economia tedesca non aiuta a spiegare le ottime performance messe a segno dal listino azionario di Francoforte.

Nel primo semestre del 2005, le German equities hanno ottenuto performance più elevate rispetto a quelle realizzate dagli altri listini continentali, e significativamente migliori di quelle degli indici nordamericani. Wade e Batley sostengono che il successo del German corporate sector sia frutto dell'abilità dimostrata nel controllo del costo del lavoro (prodotto dalla combinazione di alcuni fattori: riforma del mercato del lavoro e contenimento dei salari derivante dalla concorrenza del basso costo del lavoro nelle Eastern European countries).

Il costo unitario del lavoro in Germania è in declino da tre anni. Nello stesso periodo, gli altri paesi dell'Eurozona hanno sperimentato solo lievi oscillazioni di questa variabile. Ma quel che è buono per il corporate sector non è sempre favorevole al mondo dei consumi. I consumatori tedeschi hanno accompagnato il contenimento dei salari con una riduzione dei consumi che ha fatto sentire i suoi effetti negativi sulla crescita del prodotto interno lordo.

Tuttavia, gli analisti di Schroder affermano che il quadro dovrebbe migliorare nel momento in cui l'ottimismo che pervade il corporate sector si tradurrà nella creazione di nuovi posti di lavoro. Gli analisti credono che la situazione odierna sia differenti dalle ' false starts' verificatisi nel 2002 e nel 2004, e che questa sia la volta buona per far ripartire il processo di job creation. Il meccanismo di trasmissione tra i miglioramenti dei conti aziendali e la creazione di nuovi posti di lavoro, sta già producendo i suoi effetti in Francia (dove il calo della disoccupazione si sta rivelando di fondamentale importanze per il mantenimento dei consumi). Wade e Batley credono che questo processo si materializzerà in Germania nel corso del 2006.

Secondo il team, le aspettative di crescita dell'economia dell'area Euro nel 2006 (fissate all'1,6%) e il livello delle attuali pressioni inflazioniste non sarebbero in grado di giustificare una decisa inversione della politica monetaria da parte della Banca Centrale Europea. Wade e Batley si mostrano molto scettici in merito alla possibilità che la BCE si veda costretta ad applicare strette successive a causa dell'acuirsi delle pressioni inflazioniste derivanti dalla sfavorevole evoluzione delle quotazioni del petrolio nel breve- medio termine. Per questo motivo, il team sostiene che il primo rialzo dell'Istituto centrale europeo potrebbe arrivare solo nella riunione di ottobre 2006. A cura di www.fondionline.it
COMMENTA LA NOTIZIA