1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Lo scalo di Gatwick prenderà presto il volo: GIP in pole position per il closing

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Potrebbe spuntarla il Global Infrastructure Partners (GIP) sull’affaire Gatwick. La joint venture tra Credit Suisse e il fondo infrastrutturale di General Electric che già possiede una quota del piccolo City Airport di Londra si prepara a sbagliare l’agguerrita concorrenza.


Il GIP starebbe lavorando in queste ore al closing dell’acquisizione dello scalo, il secondo più importante di Londra dopo Heathrow, in mano alla British Airports Authority, la società controllata dal colosso spagnolo Ferrovial. Ci sarebbe anche la data prescelta per finalizzare o annunciare l’operazione: il 19 ottobre. Lo hanno riferito alcune fonti a conoscenza del dossier all’agenzia Reuters.

Secondo le indicazioni che circolano le parti potrebbero mettersi d’accordo su un controvalore compreso tra 1,65 miliardi di euro e 1,8 miliardi di euro. Su questa valorizzazione gli analisti non si sbilanciano: a loro avviso è indubbio che la crisi finanziaria e del settore aereo potrebbe gravare sul prezzo dell’affaire.


Da Londra un portavoce di Baa ha confermato che i colloqui tra le due società sono effettivamente in corso, ma ha specificato che una conclusione è ancora lontana. Tuttavia non sono da escludere colpi di scena. Sullo sfondo di questa vicenda restano le numerose manifestazioni d’interesse.


La lista di pretendenti per mettere le mani sullo scalo è, infatti, stata ben nutrita fin dall’inizio, quando fu annunciata la messa in vendita dello scalo inglese sotto il diktat della Competition Commission che ha ordinato più di un anno fa a Baa di vendere il secondo aeroporto britannico londinese, per motivi di concorrenza.


Nella lista di interessati figurano il Manchester Airports Group, che gestisce quattro scali in Gran Bretagna ed è controllato dal Comune di Manchester, la canadese Borealis, il Greater Manchester Pension Fund e il Citi Infrastructure Investors. Anche i gruppi Hochtief e Virgin Atlantic avevano in un primo tempo espresso il loro interesse. Ma adesso a giocarsela in prima linea è GIP.