1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Saras: fatturato e margini in contrazione, pesano bassi prezzi del petrolio e calo dei crack spreads

QUOTAZIONI Saras
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Oggi il consiglio di amministrazione di Saras ha alzato il velo sui conti del secondo semestre del 2016. La società guidata da Gian Marco Moratti ha conseguito ricavi pari a 3.078 milioni di euro, in flessione rispetto ai 4.713 milioni realizzati nel primo semestre dello scorso esercizio. La differenza è principalmente riconducibile alla flessione delle quotazioni petrolifere.

L’Ebitda reported è stato pari a 335 milioni di euro, in contrazione rispetto ai 474,9 milioni del periodo di confronto, con la differenza quasi interamente ascrivibile al segmento raffinazione, che ha svolto un programma manutentivo oneroso ed ha operato in un contesto di mercato caratterizzato da crack spreads meno favorevoli rispetto al medesimo periodo dello scorso esercizio.

L’ultima riga di conto economico ha evidenziato un utile netto reported pari a 129,5 milioni, un dato che si confronta con il risultato del pari periodo 2015 quando l’utile era stato di 230,1 milioni.

A livello patrimoniale la società ha riportato una posizione finanziaria netta al 30 giugno 2016 pari a 147 milioni, di poco inferiore rispetto alla posizione positiva per 162 milioni al 31 dicembre 2015.

Tale dinamica ha beneficiato della robusta generazione di cassa proveniente dalla gestione operativa che ha quasi interamente compensato l’incremento degli inventari petroliferi, gli investimenti del semestre, il pagamento dei dividendi distribuiti nel maggio 2016, nonché la prima tranche del pagamento del grezzo acquistato dall’Iran nei primi mesi del 2012.

A Piazza Affari scambi in territorio positivo per il titolo che passa di mano a 1,54 euro in rialzo frazionale dello 0,30%.