SanPaolo: Goldman, ecco i buoni motivi per far rotta su Piazza San Carlo

Inviato da Redazione il Mer, 29/06/2005 - 13:12
Quotazione: SAN PAOLO IMI
SanPaolo Imi fa girare la testa agli analisti di Goldman Sachs. Il broker in una nota uscita oggi e raccolta da Finanza.com ha alzato la raccomandazione sull'istituto torinese da in-line (titolo che si muoverà in linea con il mercato) ad outperform (titolo che farà meglio del mercato). Una promozione che acquista ancor più valore nel contesto macroeconomico grigio in cui sta navigando il pianeta Italia, istituti finanziari compresi. Qual è il segreto del successo di Piazza San Carlo? Non uno, ma diversi. Rispondono gli esperti della prestigiosa casa d'affari nel report. "Crediamo che SanPaolo possa beneficiare di molti fattori trainanti che a nostro avviso non sono ancora stati scontati dal mercato. Abbiamo stimato un potenziale rialzista del 22% sulle stime 2006, principalmente grazie alla gestione del capitale da parte del nuovo management, ai 3,3 miliardi di eccesso di capitale e all'elevato potenziale sulla ristrutturazione del network italiano", snocciolano gli analisti. Tanto per dare un'idea Goldman Sachs ha calcolato un potenziale di rialzo del 10,6% sull'utile netto 2006 assumendo che San Paolo impieghi l'eccesso di capitale in attività con un Roe all'8%, un valore di profittabilità basso nel panorama delle banche italiane sotto la sua copertura. Un'analisi che suona molto bene alle orecchie degli investitori. "Siamo dell'idea che il prezzo attuale del titolo rappresenti un ottimo punto di ingresso per SanPaolo e per questo motivo abbiamo alzato la raccomandazione da in-line ad outperform", è il verdetto di Goldman, che suggerisce di assumere una posizione long su SPI.
COMMENTA LA NOTIZIA