1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Sanpaolo-Dexia, Santander non vuole reggere la candela

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Vendere 70 milioni di azioni SanPaolo Imi. Ecco lo schiaffo del Santander all’istituto torinese, che ha confermato la scorsa settimana di aver avviato colloqui preliminari con Dexia, banca franco-belga. L’indiscrezione rimbalza da Londra nelle sale operative milanesi. Il socio spagnolo non avrebbe digerito l’idea di reggere il moccolo di quella che potrebbe diventare la quarta banca europea. E così avrebbe deciso di disfarsi un po’ dell’ingombrante partecipazione in Spi, circa il 10% del capitale, dopo il voltafaccia di Antonio Fazio. Il governatore di Bankitalia si è sempre opposto a una crescita del Santander nella banca torinese. E vedersi scippare sotto il naso l’occasione che si rincorre da una vita non è certo cosa gradita. Ma c’è dell’altro. Se sfumasse il gemellaggio SPI-Dexia si sarebbe fatta avanti anche Société Generale, una delle principali realtà francesi, che avrebbe convocato in fretta e furia un cda per varare l’operare. L’istituto parigino ha smentito l’ipotesi della riunione, ma non quella dell’Opa, sulla quale si è limitata a un no comment. Ridisegnare la mappa del credito non è facile. Ma una cosa è certa: giocare la partita in panchina al Santander non va.