I saliscendi della Borsa cinese (Fondionline.it) -3

Inviato da Redazione il Mer, 06/06/2007 - 10:23
Il paese ha un chiaro problema di liquidità. Il problema investe in primis il Governo di Pechino, che ha dichiarato di aver investito 3.000 milioni di dollari in fondo di capitale di rischio statunitense. E il problema coinvolge tutti quei cittadini che possono fare affidamento su un elevata propensione al risparmio, e che devono fare i conti con tassi di interesse reali negativi sui depositi bancari. Il denaro comincia a defluire verso la Borsa e le quotazioni degli indici salgono senza sosta. Dinanzi a siffatto quadro, le autorità locali hanno dovuto introdurre misure restrittive.
Il 27 febbraio le autorità del gigante asiatico hanno minacciato l'introduzione di misure drastiche per raffreddare il mercato. La Borsa ha perso il 9,5% in una sola seduta. Mercoledì scorso le minacce si sono trasformate in realtà: l'esecutivo ha triplicato le imposte sulle plusvalenze. Shanghai ha ceduto il 6,7%. Il Governo ha fornito un segnale inequivocabile, facendo intendere che potrebbe spingersi ben oltre. Gli esperti appoggiano l'operato dell'Esecutivo di Pechino e sottolineano che la limitazione dei rialzi degli indici è necessaria per ridurre i potenziali effetti negativi sull'economia cinese derivanti dall'eventuale scoppio della bolla speculativa.
L'altro ieri i listini cinesi hanno subito un altro rovescio: -7,7% per l'indice CSI 300 (l'indicatore che raccoglie le azioni classe A (quelle destinate agli investitori domestici) delle Borse di Shanghai e Shenzen. La metà dei titoli facenti parte dell'indice ha lasciato sul terreno oltre il 10% del valore. Ricordiamo che l'indice CSI accumula una rivalutazione del 72% da inizio anno e del 121% nel 2006. Nelle ultime quattro sessioni, la Borsa cinese ha perso il 16% (equivalente ad una capitalizzazione di 260 milioni di euro). A differenza di quanto accaduto a febbraio, la caduta di ieri non si è trasmessa gli altri listini asiatici. A cura di www.fondionline.it
COMMENTA LA NOTIZIA