1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Italia ›› 

Salini Spa: utile netto ante imposte a 30,3 mln, ricavi crescono del 32,3%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Salini Spa ha chiuso il primo semestre del 2012 con un utile netto ante-imposte a 30,3 milioni di euro. Il volume di affari è cresciuto del 32,2% a 818,6 milioni di euro rispetto ad un anno fa principalmente, si legge in una nota, per effetto dell’avanzamento dei lavori della maxi commessa idroelettrica Grand Ethiopian Renaissance Dam-GERD (Etiopia), dei progetti stradali di Zhytomir in Ucraina e Kyzilorda in Kazakistan, nonché della metropolitana Cityringen a Copenhagen. In salita del 20,3% il margine operativo lordo (Ebitda) a 93,5 milioni di euro rispetto allo stesso periodo del 2011. In termini percentuali rispetto al fatturato il margine Ebitda è pari al 11,4%. L’Ebit raggiunge i 46,7 milioni, mentre l’Ebit margin è pari al 5,7%. L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno presenta un saldo di 244,7 milioni di euro e tiene conto dell’investimento strategico nella società Impregilo che ad oggi ha un valore di mercato di circa 400 milioni di euro. Il portafoglio ordini consolidato del gruppo si attesta a 10,2 miliardi nel primo semestre dell’anno, essenzialmente in linea con il livello record registrato a fine 2011 (10,4 miliardi). Nel semestre, la società segnala l’acquisizione di nuovi ordini per 350 milioni, essenzialmente riferibili a nuove commesse in Tunisia, Georgia e Turchia. La dimensione e la dinamica del portafoglio ordini, congiuntamente con i risultati economici del primo semestre consentono alla società, si legge nel comunicato, di avvalorare l’aspettativa che gli obiettivi di crescita presenti nel piano industriale 2012-2015 possano essere conseguiti anche nei periodi successivi a quello oggetto di commento.