1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Lavoro ›› 

Salari: nel 2009 sono saliti del 2% (Unioncamere)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nel corso del 2009 la retribuzione media dei lavoratori dipendenti in Italia ha sfiorato i 26mila euro, il 2% in più rispetto all’anno passato. La crisi si è tuttavia fatta sentire sulle famiglie, con il reddito lordo sceso dell’1,4% in scia all’aumento della disoccupazione. Guardando al 2010 le prospettive sono di un miglioramento del quadro complessivo, soprattutto per quanti – giovani e meno giovani – possono contare su un diploma o una laurea. Numeri e tendenze contenuti nel Rapporto “Domanda di lavoro e retribuzioni nelle imprese italiane”, realizzato da Unioncamere insieme a OD&M Consulting, con il contributo di Gi Group. Dall’indagine emerge che non tutti i salari sono comunque aumentati nel 2009. Le figure professionali con la retribuzione in calo sono state complessivamente 2.444. Tra queste figurano alcune professioni tecnico-scientifiche e alcuni profili low skill. Non solo. L’anno scorso si è ampliato il differenziale tra i salari percepiti da uomini e donne, passando dal 12,8% al 13% a favore degli uomini. Quest’anno, per agganciare la ripresa le imprese si sono dimostrate più caute nell’assumere e molto attente al profilo professionale da integrare in azienda. Per il 2010, infatti, la quota di assunzioni previste sul totale destinata ai laureati dovrebbe raggiungere il 12,5%. La domanda di diplomati, invece, dovrebbe rappresentare addirittura il 44% delle assunzioni totali nel 2010.