1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Bilancio Mondo ›› 

Saks: perdita peggiora nel secondo trimestre, +1,5% per le vendite same-store

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

I grandi magazzini del lusso americani Saks hanno annunciato di avere chiuso il secondo trimestre con una perdita di 19,6 milioni di dollari, ovvero 13 centesimi ad azione, in peggioramento rispetto al rosso di 12,3 milioni, ovvero 8 centesimi, di un anno fa.
Un risultato, si legge in una nota, che include oneri complessivi 5,2 milioni di dollari che corrispondono a costi per 1,1 milioni per la chiusura di negozi, 1,6 milioni di dollari per spese legate a un patteggiamento pensionistico e 2,5 milioni di spese relative al merger con Hudson’s Bay.
Al netto delle poste non ricorrenti Saks ha registrato una perdita di 10 centesimi ad azione contro il passivo per azione di 8 centesimi indicato dal consensus Bloomberg. Nel periodo concluso lo scorso 3 agosto il giro d’affari di Saks si è attestato a 707,8 milioni dai 704,1 milioni dell’analogo periodo nel 2012, mentre le vendite same-store, ovvero quelle relative agli store aperti da almeno 12 mesi, sono salite dell’1,5%. A fine luglio il gruppo canadese Hudson’s Bay ha raggiunto un accordo per comprare Saks per 16 dollari per azione, pari complessivamente a 2,9 miliardi di dollari comprensivi del debito.