Saipem: riviste al ribasso stime sull'utile 2012 e 2013

Inviato da Flavia Scarano il Mer, 30/01/2013 - 09:07
Saipem rivede le stime. La società di ingegneristica controllata da Eni ha annunciato che "a causa di negoziazioni su variazioni contrattuali nel business E&C" per il 2012 è previsto Ebit di 1,5 miliari di euro "circa il 6% inferiore a quanto precedentemente annunciato, e un utile netto di circa 900 milioni di euro". Nel complesso, nel 2013 i ricavi sono attesi a circa 13,5 miliardi di euro, l'Ebit complessivo a circa 750 milioni, l'utile netto di circa 450 milioni di euro e un livello di investimenti per circa 0,9- 1 miliardo di euro. Per quanto riguarda l'anno prossimo e gli anni successivi "negli ultimi mesi si sono presentate numerose opportunità di mercato interessanti e queste, insieme agli ordinativi attesi dei prossimi sei-nove mesi, contribuiranno alle prestazioni finanziarie del 2014". "Il modello industriale di Saipem rimane solido e i suoi punti di forza hanno portato il Consiglio di Amministrazione ad attendersi, dopo un 2013 difficile, un importante rimbalzo delle prestazioni complessive nel 2014 e negli anni successivi". Infine la società ha annunciato che Pietro Franco Tali, il precedente Ceo, "ha ricevuto un'informazione di garanzia dalla Procura della Repubblica di Milano in merito alle indagini relative all'Algeria".
COMMENTA LA NOTIZIA