Russia: ecco perchè rimane al centro della mappa degli investimenti

Inviato da Valeria Panigada il Gio, 28/08/2014 - 16:21
Le parole più adatte per descrivere l'economia russa in questo momento sono incertezza e rallentamento. Ci sono tre trend attualmente in atto - problemi strutturali, fattori ciclici e implicazioni geopolitiche - ed è difficile stimare la portata di ognuno di questi in quanto tendono ad alimentarsi l'uno con l'altro.

Tuttavia, l'economia russa non è necessariamente debole. Ne è convinto Marcus Svedberg, capo economista di East Capital.

"Il basso livello di debito sovrano e le vaste riserve di valuta proteggono in una certa misura la Russia da venti contrari mentre gli alti livelli dei prezzi del petrolio danno sostegno al bilancio e alle partite correnti - sostiene l'esperto - Inoltre la disoccupazione è a livelli minimi record, il debito contratto per gli immobili è ancora basso (con alcune eccezioni) e le retribuzioni reali stanno ancora aumentando, anche se a un ritmo ridotto rispetto al passato, questo suggerisce che le persone non sono tartassate. Inoltre molte società stanno facendo ancora bene anche se non stanno investendo abbastanza".

Certamente un ridimensionamento della crisi geopolitica potrebbe ribaltare alcune delle sanzioni e diminuire l'incertezza che al momento pesa sulla Russia.

Se così fosse, secondo Svedberg, si vedrebbero benefici anche su rublo, inflazione e tassi d'interesse. "Il fatto che alcune società dell'Ue stiano iniziando a sentirne l'impatto potrebbe aiutare a ribaltare le sanzioni prima o poi - conclude il capo economista di East Capital - Non sarebbe sufficiente per risolvere i problemi strutturali ma sosterrebbe il sentiment e la crescita nel breve periodo".
COMMENTA LA NOTIZIA