1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Rumor, Generali pronta a cessioni in Portogallo. I nomi dei pretendenti

QUOTAZIONI Generali Ass

Il colosso assicurativo aveva già messo in cantiere l’uscita da 13-15 paesi, in cui non ricopre un ruolo di leadership. Ma se si era parlato della cessione di asset dalla …

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Generali pronta a lanciare un piano di cessioni di asset in Portogallo. E’ quanto ha riportato nelle ultime ore il Jornal Economico, rendendo noto anche che ci sarebbero già dei pretendenti per gli asset di Generali Portugal: si tratterebbe di Caravela, Liberty, Zurich e Allianz.

Il Leone di Trieste per ora non ha rilasciato dichiarazioni in merito e si è limitato a un “no comment”.

E’ bene ricordare, comunque, che il colosso assicurativo aveva già messo in cantiere l’uscita da 13-15 paesi, in cui non ricopre un ruolo di leadership. Ma se si era parlato della cessione di controllate soprattutto in Francia, nella rosa dei paesi non era stato citato il Portogallo.

Secondo le fonti contattate dalla stampa portoghese locale, il procedimento formale di vendita che avrà per oggetto Generali Portugal – dopo le cessioni di asset di Colombia, Guatemala e Lichtenstein – dovrebbe essere avviato verso la fine di ottobre.

Contattata da Jornal Economico Teresa Brantuas, amministratore delegato di Allianz Portugal, ha affermato intanto che il fattore che potrebbe indurre Allianz ad acquistare una società in Portogallo è l’ambizione di crescere, unita al fatto che il gruppo “continua a voler puntare sul Portogallo”.

Il “nostro obiettivo”, ha detto, “è di espanderci”.

Ma i sell off che si abbattono oggi a Piazza Affari e che sono legati al rinnovarsi delle tensioni geopolitiche impediscono l’appeal eventualmente speculativo che notizie come questa potrebbero scatenare.

Alle 15.45 circa, a fronte di un indice Ftse Mib che perde -1,42%, attorno a 21.400 punti, il titolo Generali cede -1,98%, a 14,88 euro.

Le quotazioni di Assicurazioni Generali hanno perso -2,5% nell’ultimo mese di contrattazioni, salendo dell’8,7% circa in sei mesi e di oltre +33% nell’ultimo anno.