Robin Hood tax: per Ubs le più colpite saranno Snam e Terna per rischio politica dividendi

Inviato da Alberto Bolis il Mar, 16/08/2011 - 10:06
Quotazione: SNAM
Quotazione: TERNA
Il Governo italiano ha aumentato la "Robin Hood tax" nella manovra aggiuntiva da 45 miliardi di euro appena varata dal Consiglio dei Ministri. In sostanza sale del 4% l'Ire, ovvero l'addizionale delle imposte sul reddito che si impone alle aziende che operano nel settore energetico. La tassa passa così dall'attuale 6,5% al 10,5% e verrà applicata alle aziende, anche quelle attive nelle fonti rinnovabili, con un fatturato superiore ai 10 milioni di euro. L'imposta verrà applicata al 10,5% anche per le compagnie che operano nelle attività regolamentate. Per questo motivo, gli analisti di Ubs hanno tagliato le stime di Eps 2011-103 di circa il 6% per Enel e del 13% per Terna e Snam Rete Gas. Secondo il broker svizzero le più colpite saranno proprio Snam e Terna perché la Robin Hood tax "era inaspettata per queste due società e potrebbe anticipare una revisione nella politica dei dividendi". A Piazza Affari Snam Rete Gas cede il 9,79% a 3,334 euro e Terna arretra dell'8,93% a 2,63 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA
lupettoblu scrive...
Bu$in€$$ scrive...
twentysense scrive...
 

SNAM

Snam

Superspazzola scrive...
Superspazzola scrive...