1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Il ritorno della fiducia favorisce il comparto bancario

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dopo le indicazioni positive arrivate ieri dall’asta di titoli portoghesi, oggi il Tesoro irlandese ha piazzato titoli a 6 e 8 mesi, che, nonostante le scadenze ravvicinate, hanno registrato rendimenti in calo. Sempre nella prima parte di seduta il ministro delle Finanze greco George Papaconstantinou si è detto ottimista sull’andamento del processo di risanamento dell’economia ellenica, invitando gli investitori a non temere i bond targati Atene. Dagli Stati Uniti è poi stato annunciato il calo a 451 mila unità registrato dalle richieste settimanali di sussidi di disoccupazione.

Un concentrato di buone notizie che ha consolidato i guadagni sui listini europei e fatto partire con il piede giusto Wall Street. A livello europeo il Dax ha chiuso in rialzo dello 0,93%, il Ftse100 ha messo a segno un +1,19%, +1,22% a Parigi per il Cac40 e +1,35% per il milanese Ftse Mib. Bene il comparto bancario, tra i più penalizzati nelle fasi di incertezza. Lo stoxx di settore ha registrato un rialzo del 2,16% portandosi a 192,21 punti.

Tra i singoli titoli, a Francoforte Deutsche Bank ha messo a segno un +2% salendo sopra quota 50 euro, a Zurigo Ubs ha chiuso con un +0,5% ed a Londra, RBS e Barclays hanno guadagnato 5 punti percentuali.

Denaro anche sulle francesi Bnp Paribas (+1,8%), Société Générale (+3,4%) e Credit Agricole (+4,5%). A Milano +3,8% della Popolare di Milano, +3,1% di Intesa SanPaolo, +2,8% del Banco Popolare e +2,5% di Unicredit.