Risparmio gestito: Assogestioni, raccolta 2013 positiva per 65 miliardi. Miglior risultato dal 1999

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 23/01/2014 - 11:44

Il 2013 si chiude con una raccolta positiva che sfiora i 65 miliardi di euro e che permette al settore di registrare il miglior risultato dal 1999, recuperando abbondantemente i deflussi del 2011 e del 2012. E' quanto si legge nella Mappa mensile del risparmio gestito pubblicata da Assogestioni. I fondi comuni sono i protagonisti indiscussi e con dicembre archiviano il sesto trimestre consecutivo di raccolta positiva, un bilancio complessivo che in 18 mesi ha portato al sistema sottoscrizioni per oltre 52,9 miliardi di euro.


Dopo undici mesi consecutivi di raccolta positiva l'industria del risparmio registra, sulla base dei dati preliminari di dicembre, la prima e unica battuta d'arresto di tutto il 2013. L'ultimo mese si chiude infatti in lieve flessione con una raccolta di -0,5 miliardi. I fondi comuni mettono a segno una raccolta di 2,8 miliardi di euro (48,7 miliardi dall'inizio dell'anno). Il loro patrimonio ammonta a 560 miliardi, il 70% dei quali sono investiti in fondi di diritto estero. Dal primo gennaio al 31 dicembre questi prodotti hanno contribuito con un apporto di oltre 37 miliardi di euro.


Tra le categorie il miglior risultato va ai prodotti flessibili che hanno raccolto nel mese 1,8 miliardi di euro e più di 28 miliardi nel corso dell'anno. Seguono in territorio positivo gli obbligazionari (+12,8 miliardi in 12 mesi; +360 milioni a dicembre), i bilanciati (+6,3 miliardi in un anno; +134 miliardi a dicembre) e gli azionari (+4,6 miliardi in 12 mesi; +676 milioni a dicembre).


Per le gestioni di portafoglio le sottoscrizioni cedono il passo chiudendo il mese con riscatti per 3,4 miliardi di euro ma con un bilancio annuale positivo che vale oltre 16 miliardi di euro. Gli asset investiti nei mandati superano i 729 miliardi di euro, il 55% del patrimonio totale. Al 31 dicembre l'industria del risparmio gestisce un patrimonio di oltre 1.331 miliardi di euro.

COMMENTA LA NOTIZIA