1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Risparmio: banche e servizi mobile, necessaria una convergenza (Compuware)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Le banche sono pronte per la rivoluzione mobile? E’ la domanda che si è posta Compuware in uno studio. Sia le banche che i loro clienti hanno aspettative molto alte relativamente al mobile. Le banche pretendono che i siti mobile e le applicazioni offrano una velocità eccezionale, funzionalità e affidabilità che aiutino a creare una duratura, coinvolgente e redditizia customer relationship. I clienti, dall’altra parte, chiedono che la propria esperienza mobile corrisponda all’eccellenza dell’esperienza che hanno sul proprio desktop.

Dai dati di Compuware ed Equation Research emerge che il 70% dei clienti che usano l’home banking via tablet si aspetta che i siti web vengano caricati in 2 secondi o meno, la soglia stabilita dai clienti che usano un tradizionale Pc per le proprie operazioni bancarie. La dura realtà è che le aspettative degli utenti sulle performance sul web spesso sono disattese. Per esempio, il 59% degli utilizzatori di smartphone si aspetta che un sito web venga caricato in tre secondi o meno. Secondo i più recenti benchmark di Compuware Gomez, che simulano clienti wireless che usano un iPhone, il tempo medio di download di un sito mobile delle principali banche è di più di 12 secondi.

Anche le esperienze con il tablet sono deludenti. Gli studi di Compuware hanno mostrato che la velocità media di download delle 15 principali banche Usa su iPad non si avvicina neanche alla soglia dei due secondi che gli utenti sono disposti ad aspettare prima di abbandonare un sito web. Questo livello di performance è problematico, considerato che gli utenti di tablet rappresentano un target così ambito. Una forte interazione con il cliente in termini di esperienza positiva può generare opportunità di business come l’apertura di nuovi conti o acquisto di nuovi servizi. Inoltre, la ricerca Compuware mostra che il 47% degli utenti di mobile banking in passato ha dovuto affrontare un problema di lentezza o di non risposta del sito – nella maggior parte dei casi – nell’accesso a una app dal proprio telefono.

Perché, si chiede Compuware, le banche dovrebbero preoccuparsi delle prestazioni scarse del mobile banking? La risposta è semplice: le performance hanno un impatto sui risultati di business, non importa quale sia il dispositivo o il browser. Se insoddisfatti, il 49,3% degli utenti di tablet e il 40,3% di utenti di smartphone dichiara che difficilmente visiterà di nuovo un determinato sito. Inoltre, il 33,1% di chi usa un tablet e il 26,8% di chi usa uno smartphone è poco propenso a comprare da quella azienda, qualunque sia il canale. Capire e gestire le performance di siti mobile e app business critical è un compito in costante cambiamento che le banche oggi devono affrontare.

Il solo modo per avere la certezza del livello delle performance è misurare le reali prestazioni dei siti web e delle mobile app alla fine della lunga e complessa delivery chain applicativa, su tutti i dispositivi, in tutte le aree e le reti, sia in presenza di picchi sia in assenza di traffico. Gestire le prestazioni, in questo modo, dà alle banche l’opportunità di identificare proattivamente eventuali malfunzionamenti determinandone le cause idealmente prima che gli utenti finali si rendano persino conto che c’è un problema. Se le banche non gestiscono le prestazioni in questo modo, rischiano di essere prese in castagna da una serie di problematiche legate alle performance sia dentro che al di fuori del proprio firewall.