1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Rischio annullamento sull’Opa targata Unipol

QUOTAZIONI Unipol
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Potrebbe non essere del tutto scontato il cammino dell’Unipol verso la Bnl, e verso la creazione di un inedito polo assicurativo. Non solo per le incognite dovute alle inchieste in corso o per la bufera politica sollevata dalle ambizioni della finanza “made in Bologna”. Sulla strada di Giovanni Consorte si è concretizzato un ostacolo giuridico forse sottovalutato, che potrebbe portare all’annullamento dell’operazione. Per la necessità di rivedere con grande attenzione tutti i dettagli Unipol ha comunicato giovedì scorso uno slittamento di qualche giorno dal 12 al 17 agosto nella presentazione del prospetto informativo alla Consob, il delicato documento che deve contenere in assoluta trasparenza tutti i passaggi dell’operazione. La chiave della questione è in una virtuale impossibilità da parte delle compagnie di trasformarsi in un’entità differente. Lo vieta il codice civile, che all’articolo 2361 prescrive che l’assunzione di partecipazioni in altre imprese non è consentita “se per la misura e per l’oggetto della partecipazione” si modifica l’oggetto sociale determinato dall’atto costitutivo, il certificato di nascita dell’azienda. Unipol vende polizze, Bnl fa la banca. Al di là degli affari in comune il futuro gruppo Unipol sarebbe ancora un’assicurazione? La disparità tra le parti in causa sembra evidente.