1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Rimbalzo per Piazza Affari: volano Unicredit e Intesa Sanpaolo, male Finmeccanica -1

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Chiusura in netto rialzo per la Borsa di Milano, dopo la disastrosa chiusura di ieri, in scia anche al buon avvio di Wall Street. Il consiglio dei ministri greco ha dato il suo ok ufficiale alla richiesta di indire un referendum per l’approvazione del piano di aiuti europeo, lanciata ieri dal premier George Papandreou. A questo punto il voto potrebbe essere fissato per dicembre. Il mercato è stato caratterizzato da un’alta volatilità con lo spread Btp-Bund che, dopo aver toccato un massimo di 442 punti, si è portato in area 433 punti.
Questa sera si terrà il pre-vertice in vista dell’incontro del G20 di domani. Al pre-summit parteciperanno il premier francese Nicolas Sarkozy, il cancelliere tedesco Angela Merkel, il premier greco Papandreou e i vertici del Fondo Monetario Internazionale. Dal fronte nazionale c’è attesa invece per il consiglio dei ministri convocato per le 20 a palazzo Chigi, dove verosimilmente verranno prese le misure anticrisi più urgenti. In questo quadro a Piazza Affari, il Ftse Mib è avanzato del 2,31% a quota 15.273,31 mentre il Ftse All Share ha guadagnato il 2% attestandosi a 16.114,82 punti.
Rimbalzo del comparto bancario. Dopo i tracolli registrati ieri, Intesa Sanpaolo e Unicredit hanno chiuso rispettivamente in rialzo del 5,06% a 1,14 euro e del 7,34% a 0,797 euro. Bene anche Mps (+2,80% a 0,312 euro), Banco Popolare (+1,73% a 1euro), Ubi Banca (+0,31% a 2,58 euro) e Mediobanca (+1,37% a 5,55 euro). In controtendenza la Popolare di Milano che ha mostrato una flessione del 2,94% a 0,40 euro, piazzandosi in coda al listino meneghino.