1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Respinta la richiesta di dissequestro delle plusvalenze di Ricucci

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il giudice per le indagini preliminari di Milano, Clementina Forleo, ha respinto la richiesta di dissequestro dei soldi raccolti dalla Magiste International di Stefano Ricucci con la vendita dei titoli Antonveneta. Oltre 67 milioni di euro conservati da marzo sui conti della Procura milanese e sequestrati nel corso dell’inchiesta sulla scalata ad Antonveneta da parte della Banca Popolare Italiana di Gianpiero Fiorani. Lo scopo della decisione è quello di evitare che quei soldi finiscano in qualche società off shore e sfuggano per sempre ai creditori della società di Ricucci. Con l’approvazione del giudice delegato romano Nicola Pannullo, il commissario della Magiste, Domenico Fazzalari, insieme all’avvocato Riccardo Pieroni, responsabile del “Ricucci Trust”, avevano presentato istanza di dissequestro per indirizzare quelle risorse al pagamento dei creditori nell’ambito del concordato fallimentare del gruppo Ricucci. Risorse che però ora sono rimaste bloccate e senza le quali la Magiste potrebbe rischiare il fallimento.