1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Rehn: ripresa dell’Eurozona si vedrà solo nel 2014, Italia ora più stabile e sicura

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Quando inizierà la ripresa? Dopo le parole di Mario Draghi, che ieri al termine del board della Bce aveva posto l’asticella alla fine dell’anno, questa mattina è arrivato il pensiero di Olli Rehn. Il commissario europeo agli Affari economici ha dichiarato che l’economia della zona euro è ancora debole, i prossimi mesi saranno ancora difficili e la ripresa si vedrà solo nel 2014. Una fotografia non tanto diversa da quella scattata dall’ex governatore di Bankitalia, che ieri ha comunque affermato che l’economia resta in recessione e la graduale ripresa arriverà solo se i governi continueranno il risanamento in modo equilibrato.

Rehn ha parlato anche della situazione italiana, quando manca circa un mese e mezzo alle elezioni politiche del 24-25 febbraio. Secondo il commissario Ue, il Belpaese a settembre 2011 non disponeva di politiche coerenti con gli impegni di bilancio, mentre da novembre queste politiche si sono fatte più solide e prudenti. In queste parole non è difficile leggere un distinguo netto tra il governo Berlusconi e l’esecutivo guidato da Mario Monti, entrato in carica il 9 novembre 2011 nel pieno della tempesta finanziaria.
 
L’Italia, dopo l’opera di risanamento, a detta di Rehn è diventato un Paese più stabile e la tensione sui mercati si è allentata. La conferma è la discesa dello spread tra i Btp e i Bund tedeschi, arrivato in queste sedute sotto quota 260 punti. Il rendimento del Btp decennale si attesta inoltre al 4,20%, livello minimo dall’autunno 2010. Secondo Rehn il dimezzamento dello spread porterà ad un risparmio di circa 3 miliardi di euro solamente durante il primo anno.