1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Dati Macroeconomici ›› 

Regno Unito: la BoE alzerà il costo del denaro, anche se non dovrebbe (analisti)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nuove indicazioni positive per l’economia britannica sono arrivate questa mattina con la pubblicazione dell’aggiornamento relativo le vendite al dettaglio, salite di un punto percentuale ad agosto. Già elevate, le probabilità di una stretta monetaria nel meeting della Bank of England in calendario a novembre, hanno registrato un ulteriore incremento.

Secondo il Credit Suisse, la BoE non sta interpretando correttamente il contesto attuale. “Anche se la stretta è difficile che abbia profondi effetti negativi sull’economa (alla fine si tratterebbe di passare dallo 0,25 allo 0,5 per cento, ndr), c’è il rischio di una risposta ‘non lineare’ al primo rialzo in dieci anni”.

“Una risposta troppo decisa a un balzo oltre i target dell’inflazione oggi, potrebbe spingere i prezzi sotto i target in futuro”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Barometro sullo stato delle attività del distretto

Usa: indice FED Richmond in calo ma sotto le attese

In calo ad ottobre l’indice FED Richmond, barometro che sintetizza lo stato dell’attività del distretto, sceso a 15 punti dai 29 del mese precedente. Il dato è comunque inferiore alle …

MACROECONOMIA

Eurozona: fiducia consumatori in miglioramento a ottobre

La fiducia dei consumatori dell’Eurozona è migliorata a ottobre, attestandosi a -2,7 punti dai -2,9 punti di settembre. Il miglioramento è inatteso. Gli analisti infatti si aspettavano un peggioramento a …

Dati secondo trimestre 2018

Eurozona: rapporto deficit/Pil ai minimi dal 2002

Ai minimi dal 2002, l’anno dell’inizio delle serie storiche comparabili, il rapporto deficit/Pil della zona euro nel secondo trimestre del 2018 quando passa allo 0,1% dallo 0,2% registrato nel primo …

I DATI MACRO PIU' IMPORTANTI DI OGGI

Market mover: l’agenda macro della giornata

L’agenda macro di oggi prevede pochi spunti con la sola pubblicazione nel pomeriggio dell’indice manifatturiero Usa calcolato dalla Fed di Richemond e l’aggiornamento della fiducia dei consumatori nell’Eurozona. Nel dettaglio: …