1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Referendum Catalogna, ora rischio fuga investitori da Spagna? Volano tassi Bonos, effetto anche sui BTP

Alta tensione sui mercati finanziari: rendimenti decennali dei bond sovrani spagnoli balzano fino a +7 punti base all’1,69%; l’indice azionario Ibex cede fino a -1,3%.

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Performance decisamente negativa per l’indice Ibex 35 della borsa di Madrid, che sconta il risultato del referendum in Catalogna e le incognite sul futuro della Spagna, cedendo più dell’1%.

Il voto catalano ha confermato il trionfo del sì all’indipendenza, ma non solo.

La violenza con cui sono intervenute le forze dell’ordine per vietare il referendum, il ferimento di 850 persone circa, la forza che il premier Mariano Rajoy ha deciso di utilizzare contro i secessionisti catalani, hanno messo in grave crisi un paese chiave per l’Europa e le istituzioni europee stesse.

Oltre alle incognite sul futuro della Germania, a seguito delle elezioni tedesche dello scorso 24 settembre, ora chi punta sull’Europa deve scontare anche gli interrogativi sul caso Catalogna: tutto questo, mentre l’anno nuovo si avvicina e, con esso, l’appuntamento delle elezioni italiane.

Bloomberg fa notare che “finora gli investitori hanno snobbato quella che è diventata la crisi costituzionale della Spagna più grave da quando la democrazia è tornata nel paese dopo la morte del dittatore Francisco Franco, quattro decenni fa”.

“L’indice benchmark Ibex 35 ha sovraperformato gli altri indici di borsa quest’anno”. Ma ora, avverte Angel Talavera, economista presso Oxford Economics a Londra, “per gli investitori potrebbe essere arrivato il momento di iniziare a prestare maggiore attenzione” a quanto sta accadendo.

Sebbene la Spagna non riconoscerà i risultati del referendum, l’intenzione (della Catalogna) di dichiarare la propria indipendenza e di formare uno stato potrebbe finire con il danneggiare l’economia, scoraggiare gli investimenti, e sollevare dubbi sulla capacità di Rajoy di governare.

Talavera ricorda: “ai soldi non piace l’incertezza”. Prevedendo che “a un certo punto gli investitori si sveglieranno e realizzeranno che ci potrebbe essere un impatto di più lungo termine” del referendum.

La tensione è tutta nei numeri: i rendimenti decennali dei bond sovrani della Spagna balzano fino a +7 punti base all’1,69%; l’indice azionario Ibex cede fino a -1,3%.

Effetto Spagna anche sui rendimenti italiani, con quelli a 10 anni che salgono al valore più alto in due mesi e mezzo, fino a +5 punti base, al 2,22%.