1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Redditi 2010, gli imprenditori guadagnano meno dei dipendenti (Ministero delle Finanze)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

19.250 euro. E’ la cifra media del reddito dei lavoratori italiani, ma la piramide si restringe – e di molto – via via che le fasce di reddito diventano più elevate. Il Dipartimento delle Finanze ha fotografato la situazione a partire dalle dichiarazioni dei redditi 2011 (sul 2010) e ha scoperto che metà degli italiani guadagna meno di 15 mila euro lordi all’anno, e un terzo non supera i 10 mila. Il 30% dei lavoratori del Bel Paese percepisce redditi annui tra i 15 e i 16 mila euro mentre solo il 20% arriva anche ai 100 mila. Oltre i 100 mila euro vola solo un fortunatissimo 1%.
A poter pagare il contributo si solidarietà del 3% sui redditi 2011-2013 saranno invece soltanto poco più di 30 mila persone (lo 0,07% degli italiani che lavorano) il cui reddito è più alto dei 300 mila euro.
Secondo il ministero, invece, ben 10,7 milioni di contribuenti hanno redditi talmente bassi da essere esenti dall’Irpef, o per cui le imposte lorde si azzerano grazie alle detrazioni.
Ciò che è curioso è che i redditi medi dichiarati dagli imprenditori (18.170 euro) siano inferiori a quelli dei lavoratori autonomi (41.320 euro) e perfino dei dipendenti (19.810). I pensionati prendono invece annualmente solo poco più di 3 mila euro in meno rispetto agli imprenditori, circa 15 mila euro.
Secondo i dati Istat, a febbraio l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie non è variato rispetto al mese precedente, mentre è aumentato dell’1,4% rispetto al febbraio 2011. Per quanto riguarda uil settore privato, l’aumento orario contrattuale è stato dell’1,8% mentre è stato nullo per la pubblica amministrazione.
Alla fine di febbraio – secondo l’Istat – la quota dei dipendenti in attesa di rinnovo è del 32,6% nel totale dell’economia e del 12,3% nel solo settore privato.