Rcs, uscita dalla fase di congestione è pronta ad accelerare

Inviato da Riccardo Designori il Mer, 16/02/2011 - 11:34
Quotazione: RCS MEDIAGROUP
Sembra pronta ad essere nuovamente riscoperta dagli investitori Rcs. Le azioni del gruppo che edita il Corriere della Sera negli ultimi giorni hanno infatti avuto come catalizzatore di interesse le dichiarazioni di Diego della Valle, pronto a "salire di molto" nel capitale di via Solferino rispetto all'attuale 5,4%, e Cesare Geronzi, presidente di Generali a sua volta azionista di Rcs con una quota del 3,7%. In un'intervista al Financial Times, l'ex numero uno di Capitalia ha risposto negativamente all'invito dell'imprenditore marchigiano di vendere la partecipazione detenuta dal Leone di Trieste. Sicuramente questo sarà uno dei temi più caldi del Cda odierno, insieme alla sollecitazione fatta sempre da Della Valle circa la necessità di spostare il centro del potere decisionale al consiglio di amministrazione. All'interno di questo contesto il quadro grafico ha visto un deciso miglioramento con la violazione delle resistenze statiche di 1,22 euro: tale livello aveva penalizzato i corsi di Via Solferino per tutta la seconda parte del 2010, ostacolandone le spinte propulsive. Il deciso segnale long trova ora gli ultimi ostacoli nella trendline ribassista tracciata con i top del 16 ottobre 2009 e del 27 aprile 2010 e attualmente transitante a 1,2978 euro. Tuttavia il completamento del doppio minimo disegnato da maggio e completato definitivamente con la seduta del 7 febbraio fa propendere per una prosecuzione del trend rialzista. In quest'ottica acquisti a 1,22/1,23 euro, con stop in caso di chiusure sotto la soglia di 1,17 euro, hanno come primo target il ritorno a 1,40 euro. Il secondo target è invece a 1,45 euro.
COMMENTA LA NOTIZIA