1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Rcs: si chiude l’asta inoptato con la vendita di tutti i diritti

QUOTAZIONI Rcs Mediagroup
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Rcs rende noto che durante la seconda riunione dell’offerta in borsa, tenutasi in data odierna, è stata completata la vendita di tutti i 16.239.574 diritti non esercitati per la sottoscrizione di 48.718.722 azioni ordinarie. L’esercizio dei diritti acquistati nell’ambito dell’offerta in borsa e conseguentemente la sottoscrizione delle azioni ordinarie dovrà essere effettuata, a pena di decadenza, entro e non oltre il 16 luglio. I diritti, ricardo una nota, potranno essere utilizzati per la sottoscrizione di azioni ordinarie di nuova emissione al prezzo di 1,235 euro (di cui 0,235 euro a titolo di sovrapprezzo), nel rapporto di opzione di 3 nuove azioni ordinarie ogni 1 diritto esercitato mentre la sottoscrizione delle azioni di risparmio di Categoria B dovrà essere effettuata, a pena di decadenza, entro e non oltre il 15 luglio.

Rcs ricorda che l’aumento di capitale ordinario risultava complessivamente garantito per 389,1 milioni di euro. I soci Mediobanca, Fiat, Fonsai, Pirelli, Intesa Sanpaolo, Mittel, Edison, Italmobiliare, ERFIN-Eridano Finanziaria e Sinpar si erano impegnati a sottoscrivere azioni ordinarie per un ammontare complessivo pari a 204,6 milioni di euro. Banca IMI, BNP Paribas, in qualità di Joint Global Coordinator, e Banca Akros, Banca Aletti, Commerzbank, Mediobanca, UBI Banca e Credit Suisse si sono impegnati a garantire, disgiuntamente tra loro e senza alcun vincolo di solidarietà, la sottoscrizione delle azioni ordinarie eventualmente rimaste non esercitate all’esito dell’offerta in Borsa dei diritti inoptati, fino ad un ammontare massimo di 184,5 milioni.

Durante l’offerta in opzione sono state sottoscritte azioni ordinarie per un controvalore complessivo di 339,7 milioni, pertanto le banche garanti saranno chiamate a sottoscrivere le azioni ordinarie che rimarranno eventualmente non sottoscritte al termine dell’offerta in borsa per un ammontare massimo di 49,4 milioni di euro. Il gruppo editoriale ricorda inoltre che l’aumento di capitale di risparmio, in caso di mancata sottoscrizione, non risulterebbe garantito.

Commenti dei Lettori
News Correlate
ITALIA

Rcs: Cairo, in 2017 atteso un utile netto di 45 milioni di euro

“Se quest’anno dovessimo riuscire a realizzare l’obiettivo di un Ebitda a 140 milioni, vorrebbe dire avere un utile netto di 45 milioni”. È quanto ha dichiarato Urbano Cairo, Presidente e Amministratore delegato di RCS. Cairo e l’Amministratore esecutivo Marco Pompignoli hanno rinunciato, su base volontaria, ai compensi per le cariche ricoperte nel gruppo nel 2016.

Rcs chiude 2016 in utile, prevista ulteriore crescita nel 2017. Titolo accelera (+3,6%)

Rcs Mediagroup ha chiuso l’esercizio 2016 in utile per 3,5 milioni di euro, in crescita di oltre 179 milioni rispetto al risultato netto negativo per 175,7 milioni del 2015. A contribuire al risultato sono state le forti azioni di contenimento costi, che hanno generato nel 2016 benefici per oltre 71 milioni, attraverso anche una riduzione […]

Rcs rimborserà a banche la rata da 25 milioni in scadenza a fine anno (Il Messaggero)

Rcs rispetterà i tempi e rimborserà la rata da 25 milioni di euro in scadenza a fine anno. Lo riporta Il Messaggero, precisando che si tratta della quota del debito rinegoziato lo scorso 27 maggio, prima che il gruppo editoriale venisse conquistato dall’Opas di Urbano Cairo. La rata scadrà domani, ma essendo sabato il rimborso […]

BORSA ITALIANA

Rcs Mediagroup: il gruppo editoriale contiene le perdite nei primi nove mesi del 2016

Il management di Rcs Mediagroup ha alzato il velo sui conti dei primi nove del 2016. I ricavi consolidati al 30 settembre si attestano a 709,4 milioni, in calo del 4,5% rispetto al pari periodo del 2015. Situazione ribaltata a livello di Ebitda post oneri e proventi non ricorrenti che si sostanziano in 40,4 milioni […]