1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Assicurazioni ›› 

Rc Auto: il contrassegno elettronico farà risparmiare più di 100 milioni

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

L’entrata in vigore del contrassegno elettronico per l’Rc auto (che scatterà il prossimo 18 ottobre) porterà alle compagnie assicurative un risparmio sui costi operativi di circa 100 milioni di euro. E dalla riduzione dei costi potrebbe derivare una discesa dei premi pagati dagli automobilisti. Lo prevede Facile.it e Assicurazioni.it nell’ Osservatorio Rc Auto. “Se si considerano i soli costi che ogni compagnia non dovrà più sostenere per stampa e spedizione dei tagliandi – ha dichiarato Mauro Giacobbe, amministratore delegato di Facile.it – la riduzione che ne consegue oscilla tra i 2 e i 3 euro a polizza; moltiplicando questo dato per il numero di contratti attivi in Italia per il solo settore auto, si arriva ad una cifra decisamente importante. Visto il trend di calo già in essere dei premi e la maggiore dimestichezza degli assicurati con gli strumenti di confronto, è ragionevole ipotizzare che queste risorse verranno reimpiegate dalle compagnie, almeno in buona parte, per attirare i clienti con tariffe sempre più vantaggiose”.
A livello geografico, la regione che da settembre 2014 a settembre 2015 ha visto scendere maggiormente i premi Rc auto è la Campania: qui la riduzione è stata pari al 39,27%, con un premio medio di 801,72 euro, comunque ancora il più alto d’Italia in termini assoluti. Alle sue spalle per il calo dei prezzi si trova la Puglia, con una riduzione del 33,15% e un premio medio di 629 euro (il terzo più caro del Paese). Se invece guardiamo all’importo delle polizze, la seconda regione con i prezzi più cari per assicurare l’auto è la Calabria dove, nonostante un calo annuale del 27,75%, si è registrata una media di 646,04 euro. Le regioni in cui, di contro, assicurare i veicoli costa di meno sono risultate la Valle d’Aosta – dove a fronte di un calo annuale del 20,62% si paga un premio medio di 333,67 euro – il Friuli Venezia Giulia (calo annuale del 23,04% e premio pari a 352,76 euro) e il Trentino Alto Adige (calo annuale del 21,47% e premio pari a 362,96 euro).