1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

Rbnz pronta a intervenire per frenare ascesa Kiwi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Presa di posizione della banca centrale neozelandese per prevenire un eccessivo apprezzamento del dollaro neozelandese. Il governatore della Reserve Bank of New Zealand, Graeme Wheeler, ha dichiarato oggi che l’istituto è pronto a intervenire per influenzare il cambio. Le parole di Wheeler hanno subito spinto al ribasso la divisa neozelandese con il cross rispetto al dollaro Usa scendendo sotto quota 0,84. Il cosiddetto kiwi da fine 2088 si è apprezzato del 45% circa rispetto al biglietto verde toccando un massimo storico nell’agosto 2011 a 0,8843.
L’alto livello a cui viaggia il Dollaro Neozelandese grava principalmente sull’export, da cui dipende fortemente l’economia neozelandese (conta circa il 30% del Pil). La Banca centrale di Wellington non vuole vedere messa a repentaglio la stabilità finanziaria o l’emergere di rischi di inflazione accentuati dalla forte domanda di abitazioni. La Rbnz potrebbe quindi anticipare il rialzo dei tassi, attualmente ai minimi storici al 2,5%, che il mercato fino ad oggi prevedeva solo nella seconda metà dell’anno.

Tra le altre valute da monitorare ancora una volta l’andamento della sterlina che si mantiene vicina ai minimi a 16 mesi rispetto all’euro. Oggi verranno pubblicate le minute della riunione di febbraio della Bank of England che dovrebbero confermare una maggiore tolleranza verso l’inflazione. Dall’ultimo Inflation Report della BoE pubblicato giovedì scorso è emerso che l’inflazione britannica è vista in accelerazione nel breve termine e mantenersi sopra il 2% nei prossimi 2 anni.