Raccolta Generali in crescita grazie al traino dell'Europa dell'Est

Inviato da Redazione il Mer, 04/02/2009 - 15:09

Generali ha chiuso il 2008 con una crescita dei premi complessivi, sorprendendo le attese del mercato che si aspettava invece una produzione in leggero calo rispetto al 2007. A spingere la raccolta sono state soprattutto le attività estere, in particolare quelle nei Paesi dell'Est, area dove il gruppo ha colto una crescita a doppia cifra nei rami danni e che rappresenta il quarto mercato del gruppo dopo Italia, Francia e Germania con un portafoglio complessivo che al settembre scorso era pari a 3 miliardi di euro.

I premi complessivi diretti hanno registrato un incremento del 4,1% (+1,4% a termini omogenei), per un totale di 67,447 miliardi di euro (64,792 miliardi a fine 2007). Nel vita si è registrata una crescita della nuova produzione in termini di Ape (annual premium equivalent) del 4% (+3,3% a termini omogenei) e dei premi diretti del 3,3% (+0,8% a termini omogenei). La produzione nei danni ha invece fatto segnare un incremento del 5,8% (+2,6% a termini omogenei).

Lo spaccato geografico mostra per il vita italiano una crescita del 4,6% APE, che si scontra con il +21,3% del mercato tedesco e il +6,4% dei Paesi dell'Est Europa. Trend ancora più evidente con riferimento all'attività danni: in Italia i premi hanno mostrato un calo dello 0,4%, mentre nell'Europa Orientale la raccolta ha registrato un +11,2%.

Il consiglio di amministrazione di Generali si riunirà per l'esame dei dati di bilancio il prossimo 20 marzo.


COMMENTA LA NOTIZIA