QE in salsa europea? Praet (Bce) apre a sorpresa ad acquisto asset in caso di rischio deflazione

Inviato da Titta Ferraro il Mer, 13/11/2013 - 18:01
La Banca centrale europea potrebbe adottare tassi di interesse negativi sui depositi o acquistare asset se si renderà necessario alimentare l'inflazione al fine di riavvicinarla al target del 2% indicato dall'istituto centrale europeo. La possibile apertura dell'Eurotower all'acquisto diretto di asset è arrivata oggi a sorpresa da parte di Peter Praet, membro del consiglio esecutivo della Bce. Nel corso di un'intervista concessa al Wall Street Journal l'esponente della Bce ha quindi aperto a un'opzione, quella dell'acquisto diretto di asset sullo stile di quanto fanno Federal Reserve e Bank of Japan.
Praet, che è anche capo economista all'interno della Bce, ha rimarcato che queste misure non convenzionali non vano oltre il mandato della Bce poiché le regole dell'istituto guidato da Mario Draghi non escludono un intervento diretto sui mercati.

"Se il nostro mandato sulla stabilità dei prezzi risulterà a rischio - ha rimarcato Praet - prenderemo tutte le misure che pensiamo possano essere prese per adempiere tale mandato". L'esponente della Bce ha comunque rimarcato che dopo il taglio dei tassi di inizio mese al momento non è necessaria alcuna mossa ulteriore.

Il pericolo che preoccupa l'Eurotower è il veloce ritracciamento dell'inflazione , scesa allo 0,7% annuo nel mese di ottobre, sui minimi a circa 4 anni.

Le parole di Praet hanno inizialmente indebolito l'euro sceso nel pomeriggio sui minimi di giornata sotto quota 1,34 per poi però risalire in area 1,345 dollari.
COMMENTA LA NOTIZIA