1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Punta sull’estero l’Italia degli affari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Guarda all’estero l’Italia degli affari. E’ questa la tendenza emersa dai dati della settima edizione dell’Osservatorio sul business travel, presentata come da tradizione alla Bit-Borsa internazionale del turismo, che ha aperto oggi i battenti presso il quartiere fieramilano di Rho.
La ricerca, che negli ultimi sette anni ha puntualmente analizzato con minuziosità il turismo d’affari italiano, ha messo in evidenza come i viaggi d’affari nel corso del 2007 hanno superato i 34 milioni, per una spesa complessiva di 19,9 milioni di euro, registrando una crescita pari al 7,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
Un risultato aggregato – come ribadito durante la conferenza stampa – condizionato dalla crescita a doppia cifra nel segmento internazionale (+11,1%), che segnala un vero e proprio boom dei viaggi intercontinentali, con un progresso del 17,7% rispetto al 2006. Performance positive anche verso l’Europa, con un incremento rispetto al 2006 pari al 9,1%. Per quanto riguarda i viaggi nazionali si registra una crescita del 6% dopo la frenata brusca riportata nel corso del 2006.


Se si volge poi lo sguardo ai bilanci delle imprese italiane emerge che nel 2007 la spesa per i viaggi delle imprese con più di nove addetti è stata pari allo 0,9% del fatturato. “Non sono certo cifre piccole”, commenta Andrea Guizzardi, professore di statistica dell’università di Bologna e responsabile dell’Osservatorio. Un dato indicativo sottolineato nella settima edizione dell’Osservatorio sul business travel, svelato oggi alla Bit di Milano. Un quadro che presenta delle differenze da settore a settore: sono infatti i servizi a registrare l’impatto relativo maggiore (+1,9%) complice la maggiore propensione al viaggio di queste attività. Inoltre, la voce “spesa per viaggi” vale in media il 6,3% del costo del lavoro e il 22,4% dell’investimento.

L’indagine ha anche dato ampio spazio all’impiego delle carte di credito. “E’ ormai lo strumento di pagamento principale – spiega Guizzardi – Nel 2003 si registrava una percentuale di utilizzo attorno al 40%, dai dati diffusi oggi emerge che nel 2007 si è arrivati al 54,9% di transizioni”. In particolare, l’utilizzo della carta di credito riguarda soprattutto l’acquisto di voli (39,9%) e di pernottamenti e pasti (37,4%). I limiti di questo strumento? Alcune perplessità rimangono sia da parte del lavoratore sia dell’azienda. Anche i dubbi maggiori sono proprio quelli manifestati dall’azienda, spesso resistia, ad esempio, a fornire un plafond.


Il turismo e la finanza continueranno ad andare a braccetto anche nel 2008. Dopo il forte incremento della spesa registrato lo scorso anno, anche l’anno che è da poco iniziato si preannuncia al rialzo. È questa l’idea maturata per la quasi metà dei responsabili gestione viaggi intervistati nel giugno e nel dicembre del 2007. Pochi i pessimisti: solo il 3% ritiene che ci possa essere una contrazione.