Pubblicità: Nielsen, 2013 in calo del 12,3%. Previsto un 2014 vicino alla parità

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 18/02/2014 - 15:50
"Il 2013 ha confermato il periodo di turbolenza della comunicazione aziendale e allo stesso tempo anticipa un 2014 in transizione, condizionato dalla compensazione costante di elementi frenanti con altri più stimolanti: da un lato l'incertezza politica, l'immobilismo del Pil e, più nello specifico del mercato, la frammentazione dei media e la maggiore elasticità del prezzo. Dall'altro, l'ascesa della Borsa italiana nel 2013, unita agli eventi sportivi del 2014 e all'avvicinarsi dell'Expo". Così Alberto Dal Sasso, Advertising Information Services Business Director di Nielsen.

"I dati relativi alla seconda parte dell'anno ci consentono di pensare che la parte peggiore della crisi possa essere alle spalle, seppur il mercato rimanga ancora in terreno negativo. Le nostre stime mostrano un 2014 vicino alla parità, con la lancetta degli investimenti che dovrebbe tendere verso il segno positivo", conclude Dal Sasso.

Il mercato degli investimenti pubblicitari a dicembre, scrive Nielsen in un documento sul mercato pubblicitario in Italia nel 2013, chiude in calo del 4% rispetto allo stesso periodo del 2012, facendo registrare la miglior performance considerando il singolo mese. Relativamente all'orizzonte annuo, il gap si riduce del -12,4% (come da più parti previsto), apri a poco più di 896 milioni di euro in meno rispetto al 2012. nel secondo trimestre il calo scende a -6,3%, a fronte del -17% peri primi sei mesi.

Tra i mezzi, la Tv conferma il decremento con una riduzione del 10% per il 2013, inferiore al totale mercato. Continua il momento di grande difficoltà strutturale per la stampa, ferma a -21,2%. Radio e Direct Mail chiudono l'anno rispettivamente a -9,3% e -13%. Complessivamente, gli altri mezzi calano dell'8,4%.

Dal punto di vista delle quote di mercato, la tv si conferma come il mezzo che attira i maggiori investimenti, coprendo il 50% della 'torta'. Stampa a Internet si attestano rispettivamente al 20% e al 17% (stima sul valore complessivo del web, comprendente anche il search e i social non rilevati puntualmente da Nielsen). Radio e Direct Mail assorbono a testa il 5%, mentre gli altri mezzi si dividono il 3% del mercato.
COMMENTA LA NOTIZIA