1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Prosegue il rally di inizio anno. Nuova seduta positiva per l’indice Ftse Mib

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nuova seduta di rialzi per Piazza Affari sostenuti dai confortanti riscontri economici arrivati da Cina, Germania e Stati Uniti. L’indice Pmi non manifatturiero cinese a dicembre è schizzato a 56 punti dai 49,7 di novembre. Riscontri positivi sono arrivati dal mercato del lavoro tedesco con il tasso di disoccupazione sceso al 6,8% a dicembre dal 6,9% di novembre. Oltreoceano invece è risultata superiore alle attese la crescita dell’indice Ism manifatturiero. L’indice Ism relativo al settore manifatturiero a stelle e strisce a dicembre si è attestato a 53,9 punti dai 52,7 punti precedenti. Battute le attese del mercato che erano ferme a 53,4 punti

Piazza Affari ha chiuso nei pressi dei massimi di giornata con l’indice Ftse Mib salito dell’1,24%. Si sono mossi bene i titoli del comparto finanziario guidati anche oggi da Mps con un rialzo del 3,95% che fa seguito al +3,53% della vigilia in scia all’arrivo di Fabrizio Viola come nuovo direttore generale. Secondo quanto riportato da “La Stampa” la banca senese sta lavorando a un piano industriale che prevede cessioni di attività ritenute non strategiche e cartolarizzazioni che dovrebbero portare a un rafforzamento patrimoniale di circa 1,8 miliardi.

Tra i bancari ha pagato dazio invece Unicredit (-2,47%). Il titolo di Piazza Cordusio ha pagato il taglio di prezzo obiettivo deciso da Goldman Sachs che ha portato il prezzo obiettivo da 11 a 10,65 euro. Secondo alcune indiscrezioni di stampa, il consiglio di amministrazione dell’istituto milanese potrebbe essere convocato per domani. All’ordine del giorno ci sarebbero i dettagli dell’aumento di capitale che voci danno in partenza il 9 gennaio con un sconto sul Terp (il prezzo teorico ex diritto) che potrebbe essere tra il 35% e il 45%.
Tra gli industriali bene Fiat Industrial (+3,53%) e anche Fiat (+3,67%) nonostante ieri i dati di dicembre sulle immatricolazioni auto hanno confermato la debolezza del gruppo torinese sul mercato italiano con immatricolazioni in calo del 19,8%. La quota di mercato di Fiat è scesa al 28,51% dal 30,1 del dicembre 2010.