Pronta la prima asta Tltro della Bce: alle banche italiane 37 miliardi di euro

Inviato da Flavia Scarano il Gio, 18/09/2014 - 10:11

Partirà oggi la prima asta del programma Tlro (Targeted long term rifinancing operation) decisa dalla Bce lo scorso giugno. Si tratta di operazioni di finanziamento a lungo termine destinate alle banche europee che dovrebbero servire ad agevolare la concessione del credito alle imprese, facendo così ripartire l'economia reale. I prestiti verranno erogati ad un tasso per le banche di poco superiore dello 0,15% e a differenza delle precedenti Ltro sono 'targeted' ossia la loro funzione è quella di sostenere il credito alle piccole e medie imprese. Infatti nel caso in cui i finanziamenti non fossero girati a famiglie e imprese, questi dovranno essere restituiti con due anni di anticipo rispetto alla scadenza fissata al 2018.

Il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, ha previsto che le banche italiane chiederanno all'Eurotower circa 37 miliardi di euro nella prima asta. Le banche hanno molta voglia di prestare e di far rendere i loro investimenti", ha detto Padoan. In generale gli istituti di credito del Vecchio Continente avranno a disposizione tra la prima e la seconda asta che si terrà il prossimo 11 dicembre, 400 miliardi di euro e altri 600 nelle successive sei aste a cadenza trimestrale che proseguiranno fino a settembre 2016.

Ha mostrato scetticismo qualche giorno fa l'agenzia Fitch, secondo cui le operazioni di Tltro non faranno ripartire i prestiti bancari nel Sud dell'Europa, sebbene le iniziali richieste di fondi potrebbero essere alte. Per gli analisti la generale propensione delle banche a concedere prestiti e la domanda di credito potrebbero rimanere sottotono a prescindere dalle condizioni monetarie - date dalla crescita debole, i debiti societari ancora alti e la relativamente bassa competitività delle imprese nella maggior parte dell'area.

Le banche in Spagna, Italia, Portogallo e Grecia con ogni probabilità approfitteranno dei bassi tassi di finanziamento dei Tltro, che saranno pari al tasso di rifinanziamento settimanale (allo 0,05% dal 4 settembre) più 10 punti base con scadenza nel settembre 2018, tuttavia i fondi, a detta di Fitch, potrebbero essere utilizzati principalmente per coprire quelli ottenuti con i Ltro in scadenza a gennaio e febbraio 2015 e per rifinanziare altre fondi all'ingrosso.

COMMENTA LA NOTIZIA