1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Prometeia vede significativi aumenti di prezzo per i metalli nel 2010 – 2

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Con riferimento ai settori dell’industria italiana, le stime di Prometeia per il 2009 indicano che energia e imprese alimentari potranno beneficiare maggiormente dei più modesti prezzi delle commodity petrolifere, del gas naturale e dei cereali. L’anno in corso condurrà comunque per tutti i comparti manifatturieri a un alleggerimento di queste voci di costo, in una forchetta compresa tra il 20% e il 35%. Nel 2010, invece, i bilanci delle imprese torneranno a sperimentare un aggravio dei costi di approvvigionamento delle materie prime industriali, che colpirà in misura maggiore l’energia e la meccanica. Gli indici Prometeia dei prezzi delle commodity dovrebbero pertanto essere vicini al loro punto di minimo e avviarsi, alla fine del 2009, verso un sentiero di recupero. Viene stimato quindi per il 2009 un calo del 35% dei prezzi internazionali in dollari per il complesso dell’industria manifatturiera (-29% in euro) e aumenti del 10% e del 5% rispettivamente per il 2010 e il 2011.

Commenti dei Lettori
News Correlate
COMMODITY

Oro: quotazioni ai massimi da quasi un mese, analisti ottimisti

Dopo due sedute di guadagni, parità per le quotazioni dell’oro a 1.270,1 dollari l’oncia. Venerdì i prezzi si sono spinti fino a 1.272,7 dollari facendo segnare il livello maggiore da inizio mese, in scia della tensione in arrivo dal fronte geopoliti…

VALUTE

Sud Africa: Zuma evita voto sfiducia, ma rischio politico pesa sul rand

Giornate convulse in Sud Africa con il presidente Jacob Zuma sotto attacco con alcuni membri dell’ANC (African National Congress) che hanno cercato di forzare le dimissioni preparando una mozione di sfiducia. Il comitato esecutivo dell’ANP alla fine …

COMMODITY

Petrolio in calo: Wti viaggia sotto 50 dollari

Quotazioni del petrolio in calo in avvio di settimana. In questo momento il Wti lascia sul terreno circa lo 0,3% a 49,65 dollari al barile, mentre il Brent cede lo 0,27% a 52,37 dollari al barile. Nel meeting di giovedì scorso l’Opec ha annunciato l’…