Profondo rosso a Milano: peggior calo Ftse Mib da 1 anno, le banche precipitano

Inviato da Valeria Panigada il Mar, 04/05/2010 - 17:39
Giornata nera per la Borsa di Milano che è precipitata sotto il peso dei bancari. L'indice Ftse Italia all share ha chiuso con un -4,25% a quota 21.303,55, mentre l'indice Ftse Mib è precipitato del 4,70% a 20.613,25, abbondantemente sotto la soglia psicologica dei 21mila punti. Si tratta del maggior calo da quasi un anno (il 13 maggio 2009 il Ftse Mib aveva perso il 4,70%). Ad affossare i mercati sono state le preoccupazioni legate al rischio che la crisi greca possa travolgere i Paesi più deboli del Vecchio Continente, come la Spagna, il Portogallo e anche l'Italia. Secondo quanto segnalato dagli analisti di Moody's in una nota, il pacchetto di aiuti stanziati dal Fondo monetario internazionale e dall'Unione europea per il Paese ellenico potrebbero non essere sufficienti per porre fine alla crisi finanziaria, scatenando così il panico tra gli investitori. Tra i titoli, il comparto bancario è stato quello più penalizzato. Unicredit e Intesa Sanpaolo sono state le peggior, rispettivamente con un -7,45% e -7,21%. Pesante anche Fiat (-6,59%) all'indomani dei deboli dati sulle immatricolazioni ad aprile, ed Exor (-6,94%).
COMMENTA LA NOTIZIA