1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Produzione industriale: Unc, da maggio 2008 è scesa del 22,5%

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Dati incoraggianti quelli arrivati oggi dalla produzione industriale (+0,7% m/m a maggio), che rimane però molto lontana rispetto ai valori pre-crisi. “Bene, dati positivi. Dopo il calo congiunturale di aprile, la risalita di maggio. Anche l’incremento annuo, +2,8%, è tornato ai livelli di marzo. Insomma, continua il sali e scendi della produzione industriale. La speranza è che ora si innesti definitivamente un percorso di crescita” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. “Anche perché la strada da percorrere per tornare ai valori pre-crisi è molto lunga considerato che dal maggio 2008 ad oggi la produzione industriale è crollata del 22,5%” conclude Dona. Secondo lo studio dell’associazione di consumatori, da maggio 2008 a maggio 2017 la produzione dei beni di consumo durevoli ha registrato una caduta del 28,4%, l’energia del 31,5%, i beni intermedi del 29,7%. Il calo minore si osserva per i beni di consumo non durevoli, scesi dell’8,1%.

Commenti dei Lettori
News Correlate
Commessa per AW109 GrandNew

Leonardo debutta nel mercato elicotteristico irlandese

Leonardo si aggiudica un nuovo affare questa volta in Irlanda. La società guidata da Alessandro Profumo e il distributore ufficiale dei suoi elicotteri civili nel Regno Unito e in Irlanda, …

Documento per summit Argentina

Fmi, G20: “Italia eviti stimoli di bilancio pro-ciclici”

Da evitare gli stimoli di bilancio pro-ciclici per paesi come l’Italia dove la posizione è vulnerabile alla perdita di fiducia del mercato. Così scrive il documento preparato dal Fondo monetario …

Riservato a investitori istituzionali

Banco Bpm lancia nuovo covered bond

Banco Bpm ha lanciato un nuovo covered bond riservato a investitori istituzionali e qualificati e una volta emesso verrà quotato alla borsa del Lussemburgo. Il bond ha come sottostante un …

Report dell'agenzia di rating

Moody’s: con Iliad in Italia la più colpita Wind Tre

L’ingresso di Iliad nel mercato italiano ridurrà i ricavi da servizi dei tre operatori presenti, Wind Tre, Telecom Italia e Vodafone. Il calo sarà nel dettaglio del 4-6% solo nel …