1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Privatizzazioni: la Svezia vende i gioielli di casa (Fondionline.it) -3

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il governo pensa che per centrare gli obiettivi sarà necessario imporre certe condizioni agli acquirenti, come, per esempio, la permanenza nel paese dei centri decisionali delle aziende. Gli oppositori della privatizzazione -una parola che non piace agli svedesi- sostengono in primo luogo che le esperienze in materia di lavoro -così come i vantaggi per i consumatori derivanti dalla maggiore concorrenza- sono state negative. Lo stesso gruppo sottolinea inoltre che non ci sono ragioni che giustifichino la vendita di aziende che godono di buona salute e lasciano ogni anno migliaia di milioni nelle casse dello Stato. La privatizzazione non sarebbe giustificata neanche dalla situazione economica in cui versa il paese – ai primi posti delle classifiche stilate dagli organismi internazionali e senza grossi problemi nel medio termine.
Un altro punto controverso riguarda il destino del denaro ricavato dalla vendita. Fonti governative precisano che l’ammontare sarà destinato all’abbattimento del debito estero (problema di scarso rilievo per la Svezia), mentre altri sostengono che il denaro andrà ai cittadini (veri proprietari delle aziende). Altre fonti ipotizzano che il denaro potrebbe essere utilizzato per ridurre il carico fiscale, decisione che -secondo alcuni analisti- potrebbe innescare un ampliamento del gap tra ricchi e poveri (peraltro già in corso negli ultimi anni). A cura di www.fondionline.it)