Il private di Mps guarda al 2015 e cerca 100 nuovi banker

Inviato da Massimiliano Volpe il Ven, 10/10/2014 - 11:18
Focus sulla crescita. Si è concluso ieri a Roma il workshop Private 2014 del Monte dei Paschi che ha visto la partecipazione di 450 protagonisti del private targato Mps: responsabili aree territoriali, direttori commerciali private, direttori operativi, responsabili centri private e private top, private banker, specialisti advisory private nonché di 9 case di investimento. La struttura per la clientela top, che attualmente vanta masse amministrate per 22 miliardi di euro, guarda già al 2015 e prevede di intensificare il percorso di recruiting con l'obiettivo di arrivare all'assunzione di 100 nuovi professionisti dopo quelli già quelli effettuati nei mesi scorsi che hanno visto l'ingresso di oltre 30 nuovi banker proveniente dal mondo delle filiali retail e di 13 nuovi inserimenti dal mercato.

In controtendenza rispetto al mercato. Nel corso della due giorni romana sono state presentate alcune ricerche di mercato (in particolare la Survey Private Banking Monitor 2014) che indicano come la soddisfazione generale dei private banker italiani sia in calo rispetto al 2013, per varie ragioni: mercato molto concorrenziale, gap tecnologici, poca attenzione alle esigenze dei private banker. In questo contesto il private banking del Monte dei Paschi è in controtendenza, con un grado di soddisfazione che è superiore rispetto a quello rilevato complessivamente dalla ricerca, evidenziando poi che crescono il senso di appartenenza e la fiducia nella banca. Un ottimo risultato, frutto anche degli investimenti portati avanti a partire dal 2013, sulla valorizzazione del capitale umano. Il private rappresenta infatti un tassello fondamentale per la crescita del business di Mps, sul quale la banca continuerà ad investire, per cogliere le tendenze che si stanno affermando sul mercato e con l'obiettivo di migliorare la customer experience.

In evidenza tecnologia e consulenza evoluta. Durante i lavori è stato posto un focus particolare sull'innovazione tecnologica, con lo sviluppo di sistemi di interazione a distanza, sulla semplificazione dei processi e su nuovi modelli di interazione con la clientela da parte dei banker del gruppo senese. È già disponibile per la clientela e per la rete Mps un sistema di consulenza anche a distanza, che consente di operare in fondi e Sicav in modalità totalmente paperless. Inoltre sono stati presenti gli ultimi sviluppi sul fronte del modello di consulenza avanzata, anche grazie ad una forte integrazione con i servizi fiduciari, con l'obiettivo di far diventare Mps interlocutore di riferimento per la clientela multibancarizzata.



COMMENTA LA NOTIZIA