1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Prima rata Tasi: via libera del governo a rinvio al 16 ottobre nei Comuni ritardatari

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Il governo ratifica l’ulteriore rinvio della scadenza per il pagamento della prima rata Tasi 2014 da parte dei Comuni ritardatari. La nuova scadenza della prima rata della nuova tassa sulla casa che va virtualmente a sostituire la vecchia Imu sulla prima casa è il 16 ottobre rispetto al 16 settembre indicato il mese scorso. La decisione prende atto delle richieste avanzate dall’Anci (associazione nazionale dei comuni italiani) per l’eccessiva vicinanza della scadenza di settembre con le elezioni amministrative ed agosto di mezzo che rischiava di creare ulteriore confusione.

Confermata scadenza 16 giugno per comuni che hanno deliberato in tempo
Il Consiglio dei Ministri ha così approvato un decreto legge recante disposizioni urgenti in materia di versamento della prima rata Tasi 2014. Per i Comuni che hanno già assunto la deliberazione TASI entro il 23 maggio 2014, è confermato l’obbligo di pagamento entro il 16 giugno 2014 sulla base delle aliquote e detrazioni approvate dal Comune stesso; di contro per i Comuni che non hanno assunto le deliberazioni TASI entro il 23 maggio, il versamento della prima rata TASI viene posticipata al 16 ottobre 2014. A tal fine, i Comuni devono deliberare entro il 10 settembre le aliquote e le detrazioni.

Il decreto legge stabilisce che nel caso in cui per il 10 settembre il Comune non avesse ancora deliberato le aliquote e le detrazioni TASI l’imposta sarà dovuta applicando l’aliquota di base pari all’1 per mille e sarà versata in un’unica soluzione il 16 dicembre 2014. Sempre nel caso della mancata determinazione, la Tasi dovuta dall’occupante sarà nella misura del 10 per cento dell’ammontare complessivo del tributo, determinato con riferimento alle condizioni del titolare del diritto reale.

Il testo approvato dall’esecutivo guidato da Matteo Renzi stabilisce che a decorrere dall’anno 2015 i Comuni assicurino la massima semplificazione degli adempimenti per i contribuenti, rendendo disponibili i modelli di pagamento  preventivamente compilati.  

Clicca qui per sapere di più su aliquote, calcolo, metodo di pagamento della Tasi. 

Commenti dei Lettori
News Correlate
Articolo IV sull'Eurozona

Fmi, monito all’Italia: “Introduca salario minimo”

L’Italia deve introdurre un salario minimo nelle regioni, potenzialmente differenziato. A scriverlo il Fondo monetario Internazionale del rapporto Articolo IV sull’Eurozona in cui fornisce una serie di raccomandazioni al nostro …

Osservatorio sul precariato dell'Inps

Inps: crescono assunzioni nei primi cinque mesi, +9,8%

Crescono le assunzioni nel periodo gennaio-maggio 2018 secondo i dati contenuti nell’Osservatorio sul precariato dell’Inps, riferiti ai soli datori di lavoro privati. Il dato segna un +9,8% rispetto ad un …