1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Prestiti: crescono del 14% gli importi medi richiesti, si allungano i tempi di restituzione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Aumentano gli importi medi richiesti dei prestiti, ma calano gli stipendi e si allungano i tempi di restituzione. Questa la tendenza che emerge dall’Osservatorio sul credito al consumo di Prestiti.it e Facile.it, secondo il quale negli ultimi sei mesi l’importo medio dei prestiti personali chiesti in Italia è cresciuto del 14%, addirittura del 22% in un anno, passando dai 10 mila euro di ottobre 2013 ai 13 mila euro di novembre 2014. Lo studio, che ha analizzato le oltre 40 mila domande presentate tra aprile e settembre 2014, ha evidenziato anche come il calo degli stipendi dei richiedenti (passati da una media di 1.700 a 1.500 euro) abbia necessariamente fatto allungare i tempi di restituzione, pari ormai a 5 anni.
Oltre una richiesta su cinque è indirizzata all’ottenimento di liquidità (indicata dal 22,3% di chi esplicita la finalità del prestito); segue l’acquisto di auto usate (19,9%). Crescono, trainate dagli incentivi e dagli sconti offerti dallo Stato, le richieste di prestito per ristrutturazione di immobili (15,4%) e per acquisto arredamento (passati dall’8% al 9,8% del totale) mentre va segnalato il netto calo di domande di prestito per consolidamento di altri debiti esistenti: rappresentavano il 14,1% di tutte le motivazioni di prestito della precedente rilevazione, adesso si fermano al 9,2%.
La crescita degli importi medi richiesti è abbastanza omogenea su tutto il territorio nazionale, anche se spiccano alcune regioni che hanno visto una crescita degli importi medi richiesti di oltre il 20%. Si tratta della Calabria, Liguria e Sicilia.