1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Risparmio ›› 

Prestiti, 40 mila italiani li chiedono per studiare

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sono più di 40 mila gli italiani che nell’ultimo anno hanno chiesto un prestito per pagare i propri studi o quelli dei figli. È il dato diffuso da Prestiti.it, portale specializzato in finanziamenti personali. Secondo l’analisi del sito, è la voglia di vincere lo spettro della disoccupazione che spinge i nostri connazionali a puntare sulla formazione. Così si chiedono somme cospicue per l’università dei figli, o per corsi di formazione post laurea, oppure per finanziarsi la vita da “studente fuori sede”.

L’età media dei richiedenti un prestito è di 38 anni – considerato che nel calcolo sono compresi sia gli studenti che i loro genitori – mentre la somma richiesta si aggira intorno ai 10.500 euro da rimborsare in circa quattro anni. Tra queste richieste, quelle effettuate direttamente dai giovani studenti – benché garantiti dai genitori con reddito dimostrabile – sono oltre il 15%. Tra questi, l’età media scende a 25 anni, e la somma richiesta è di circa 9.500 euro.

A preoccuparsi della formazione sono soprattutto le donne: se solitamente a richiedere un prestito sono prevalentemente gli uomini, la percentuale di donne che li richiede per motivi di studio aumenta di 14 punti percentuali rispetto alla media, passando dal 24% al 38% delle richieste totali.

Per quanto riguarda lo spaccato regionale, quella che emerge è una generale uniformità di comportamento su tutto il territorio nazionale. A variare, piuttosto, sono gli importi richiesti, che indicano scelte di formazione professionale diverse, o disparità di costi di formazione da regione a regione. Guidano la classifica degli importi Sardegna (con 14.900 euro richiesti), Lombardia (12.800) e Trentino (12.000); le zone in cui si richiedono finanziamenti di minore entità, invece, sono Abruzzo (8.000 euro), Umbria e Veneto (entrambe con 8.100 euro).